mercoledì 1 dicembre 2010

L'emigranti Ripartinu

Si avvicinano le feste e...


L'EMIGRANTI RIPARTINU

Ottu jorna di festa

e ora si nni vannu

ca non è chiù Natali

e mancu Capudannu.

Ritornanu nta nivi
unni c'è negghia e scuru,
e c'è u patruni straniu

e c'è u travagghiu duru.

Unni sunnu chiamati

pi nciùria, terroni
e l'òmini da Sicilia

non semu genti boni.

E partinu cu suli

nto trenu senza suli

... Nto trenu senza suli

cu cori chi ci chianci:

"Addiu bedda Sicilia,

... Oh, terra mia d'aranci,
d'aranci e di canzuni;
u latti mi lu dasti
ma pani un mi nni duni".

Ignazio Buttitta


Grazie ad Antonella per la segnalazione.


GLI EMIGRANTI RIPARTONO

Otto giorni di festa

e ora se ne vanno

perchè non è più Natale

e nemmeno Capodanno.

Ritornano nella neve

dove c'è nebbia e buio,

e c'è il padrone estraneo

e c'è il lavoro duro.

Dove sono chiamati

per ingiuria, terroni

e gli uomini della Sicilia

non siamo buona gente.

E partono col sole

nel treno senza sole

... Nel treno senza sole

col cuore che piange:
"Addio bella Sicilia,

...Oh, terra mia d'arance,

d'arance e di canzoni;

mi hai dato il latte

ma non mi dai pane".


Nessun commento:

Posta un commento

I messaggi anonimi sono accettati, vi chiedo solo di lasciare almeno il vostro nome alla fine. Grazie :)