mercoledì 18 aprile 2012

C-section e sensi di colpa

Al corso preparto, tra le tante cose, ci hanno parlato del senso di colpa che provano alcune mamme quando non possono "performare" un parto naturale e di alcune altre conseguenze che un parto cesareo puo' comportare. Li' per li' mi e' sembrato un po' strano e ho pensato che davvero io, al posto di quelle mamme, non avrei provato tale sensazione.
Onestamente ero un po' distratta quando si parlava del parto cesareo perche' pensavo fosse una cosa che non potesse riguardarmi, e forse e' proprio per questo che quando qualche giorno fa il mio OB/GYN mi ha detto che era il caso di programmare la c-section mi sono sentita stordita e (non lo avrei mai detto!) ho cominciato a sentirmi anch'io un po' in colpa :/
Ancora non e' del tutto certo e spero proprio che la situazione si evolva diversamente, ma mi pare quasi che col cesareo vivro' un surrogato del parto, che non potro' vivere fino in fondo quell'esperienza magnifica che dev'essere dare la vita in maniera naturale. Mi preoccupa il fatto che forse non potro' stare attaccata alla mia piccola subito a lungo (visto che al parto seguono le operazioni di sutura e tutto il resto). Nell'ospedale nel quale partoriro', quando si partorisce naturalmente c'e' la cosiddetta golden hour (ora d'oro) durante la quale mamma, papa' e bimba stanno da soli, skin to skin (una cosa bellissima!) e la prima notte anche il papa' dorme in ospedale con la mamma e la bimba in modo da vivere il piu' possibile l'esperienza del parto. Non mi pare che il tutto avvenga anche in caso di cesareo e perdermi un'esperienza simile mi dispiacerebbe oltremodo :(
So che quello che conta e' che la mia piccolina stia bene e il tipo di parto e' quindi secondario (insomma, va bene tutto, basta che nasca!), ma io spero che potremo disdire la c-section e che potro' invece "godermi" le tanto famigerate contrazioni e i dolori che precedono quel primo dolcissimo vagito.

30 commenti:

  1. no no no! nessun senso di colpa!!!
    ho fatto il cesareo e non mi sono sentita meno mamma, meno brava o meno qualcos'altro. Non lo avevamo programmato, pero' dopo tante ore di attesa il parto non si apriva piu' di 5 cm e la testa di mia figlia restava alta. E' stato meraviglioso lo stesso. Mia figlia me l'hanno data subito e siamo stati tutti e tre insieme sin dall'inizio e fino al ritorno a casa. Non ti preoccupare, non c'e' bisogno di sentirsi in colpa. Subirai una operazione eppure allatterai ogni due ore, ti alzerai per accudire tua figlia ogni volta che ce ne sara' bisogno, sarai' una mamma, cesareo o no. Io ho fatto anche l'epidural, volevo sentire le contrazioni, capire cosa fossero, ma quando ho pensato che ne avevo abbastanza ho chiesto l'epidurale e nemmeno in quel casao ho avuto sensi di colpa. Sara' quel che sara', vogliti bene, conserva le energie per il dopo e comunque vada sara' il tuo parto, tua figlia, la tua famiglia, sara' l'evento piu' dolce, intenso, faticoso della tua vita.
    un abbraccio!
    valescrive

    RispondiElimina
  2. concordo con Valeria, pure io avuto un cesario, mia figlia non usciva ed é stato necessario, ma non per questo mi sono sentita meno mamma, tra l'altro non l'ho nemmeno allattata al seno per via degli occhi e anche in questo caso, non mi sono sentita in colpa, ma é stato bellissimo uguale e poi stava sempre in camera con me, ed ero qui quindi..
    in bocca al lupo un abbraccio forte!!
    baci!

    RispondiElimina
  3. -Valeria; Alle: Grazie davvero tanto! Spero che vada tutto bene! Per adesso ho degli alti e bassi in cui cerco di dirmi (come avete detto su voi) che sara' comunque bello, ma in cui spero ancora che la mia bimba si giri e nasca naturalmente (in questi giorni e' ancora podalica).

    -Valeria: ma durante le operazioni di eliminazione placenta, sutura, etc. la bimba e' rimasta con te o l'hanno allontanata?
    Io ho paura che durante quell'ora (o quel che e') me la tolgano e sto facendo il lavaggio del cervello al maritozzo dicendogli di non perderla di vista neppure per un nanosecondo!

    Questi ultimi giorni di attesa sono pochi, ma mi paiono un'eternita' :)
    Spero di darvi al piu' presto buonenuove :)

    un abbraccio care!

    RispondiElimina
  4. ma no tranquilla! io non mi sono mai, mai, mai separata dalla mia piccola.
    Mio marito era accanto a me, un attimo prima di tirarla fuori hanno detto a mio marito "stand up" e lui l'ha vista uscire dalla pancia e ha tagliato il cordone. Gli hanno chiesto se volesse farlo e lui l'ha fatto volentieri. Appena uscita le hanno fatto gli esami di rito nella stessa stanza in cui ero io, lei era alla mia sinistra, un metro piu' in la'. Finiti gli esami, l'hanno avvolta in una copertina, le hanno messo un cappellino e me l'hanno messa accanto (e io ho detto a mio marito: levala perche' pesa. Sembra strana questa reazione ma ho scoperto a posteriori che e' comunissima, invece di accoglierla cosi' come ci raccontano e come sogniamo, puo' succedere che abbiamo una specie di rifiuto. Passato quell'attimo l'ho accolta come Dio comanda! :)). Quindi ci hanno spostato dalla sala operatoria a un'altra stanza e li' la bimba l'ha presa mio marito, si e' seduto accanto ame esiamo rimasti sempre insieme, tutti e tre. In questa stanza ho passato un po' di tempo, non so dirti quanto, un'ora forse, e' per vedere come procede il post-operatorio. Poi mi hanno spostata nella camera da letto, lei e' stata sempre con me, nello spostamento dalla stanza del post-operatorio alla camera da letto lei era accanto a me, nella mia barella.Mio marito ci seguiva a piedi (ovviamente, pure lui nella barella no eh! :)) Dall'inizio alla fine sempre insieme! Le hanno fatto il primo bagnetto, poco dopo l'arrivo in camera, sul mio letto, l'hanno messa in una bacinella.
    Sul cesareo ti dico una cosa che io non sapevo e mi sarebbe piaciuta saperla prima per arrivare preparata: l'anestesia (io avevo l'epidurale) ti dara' un po' di tremori, avvertivo un senso leggero di malessere, passa in fretta, e' normale. Io invece credevo di stare per morire!! :)
    Parla con i dottori di quello che vuoi, non e' come in Italia, tu sei un cliente, non un paziente. Non devi fare quello che dicono i medici, ma quello che pensia sia giusto tu. Anzi, i medici nn si sognano nemmeno di importi qualcosa. Quindi stai tranquilla, non succedera' niente che tu non vorrai.

    Ci sono anche tecniche per provare a girare la piccola. Se ne parli al medico sapra' dirti tutto.

    E ti diro' anche questo: conserva tutte le energie per il post-parto, riposati il piu' possibile in ospedale. A casa, i primi giorni, avrete ritmi forzati e una stanchezza mai provata prima. MA anche una felicita' mai provata prima :)

    sara' meraviglioso. Qui ti rispettano molto di piu'.
    Cesareo o no! (col cesareo ti risparmierai le emorroidi :))
    valescrive

    RispondiElimina
  5. Non ho parole per ringraziarti Valeria :)

    Anche qui ci hanno spiegato che, come dici tu, i medici ci assecondano in tutto quello che vogliamo (il fattibile almeno :)), ma la mia preoccupazione di essere separata dalla bimba e' stata martellante in questi giorni.
    Il mio gyn mi ha parlato delle manovre per cercare di girare la piccola, ma la mia dolce troublemaker e' in posizione frank breech, ovvero e' piegata su se stessa e ha i piedini vicino alla faccia (e' una contorsionista praticamente!) quindi mi ha detto che era meglio comunque prenotare un cesario...just in case! Aspetteremo fino all'ultima ecogr. lunedi' prossimo e se per allora non si sara' girata, allora cesario sara'.

    Leggere la tua esperienza mi rassicura moltissimo, perche' so che sentire le esperienze delle persone in Italia e' tutta un'altra cosa (per nostra fortuna!).

    Cerchero' di rilassarmi in questi giorni e di raccogliere tutte le energie positive e, non in ultimo, di godermi per gli ultimi giorni la vita a due il piu' possibile visto che per mooolti anni a venire non saremo piu' soli nella nostra casetta :)

    grazie ancora :)

    RispondiElimina
  6. ciao, puo' darsi che a quest'ora tu abbia gia' partorito e avrai gia' capito da te che tutto quello che ha scritto valeria e' assolutamente vero, anche io alla notizia che sarebbe stato necessario programmare la c section perche la bimba era en siege (tradotto in termini poveri e dialettali: col sedere giu') e non c'era modo di tirarla fuori diversamente, sono esplosa in lacrime...e non solo perche' mi pareva di perdermi qualcosa del diventare madre, ma sotto sotto avevo pure paura di morire perche non avevo mai avuto un intervento operatorio Non volevo mio marito presente (non lo avrei voluto nemmeno col naturale, per noi va bene cosi ne avevamo gia parlato) ma ovviamente me l hanno offerto, dopo che la bimba e' nata purtroppo non c'e' stato il modo di fare lo skin to skin anche perche' han dovuto metterla in incubatrice, ma mentre io ero nella sala post operatoria e mio marito su con la bimba l ostetrica accanto a me e quella accanto a mio marito su si sentivano per interfono e ci davano reciproche notizie (mio marito ha proceduto a vestirla e a prepararla con tutte le cose come gliele avevo lasciate sigillate, perche non aveva voluto sapere il sesso, quindi era tutto dentro delle buste nere :D). Due ore dopo eravamo finalmente riuniti e io ero anche piu lucida dopo aver rimesso un po di volte per l anestesia (non fa a tutte questo effetto, cmq l anestesista mi aveva pre avvertito della possibilita' e non mi sono spaventata) e quando l ho rivista (durante il parto me l hanno appoggiata sulla spalla per qualche minuto e non lo scordero mai quel suo visino) quelle due ore di attesa sono sparite, dissolte.
    approfitta dei giorni in ospedale per riposarti quanto piu possibile, io di giorno me la facevo tenere in stanza tutto il tempo (anche il primo giorno nell incubatrice, che me la estraevano solo per allattarla) ma la notte la facevo stare al nido cosi potevo dormire e recuperare, all inizio fara' male la cicatrice ma ti giuro che dopo i primi 3 giorni va molto molto meglio e dopo due settimane manco ti ricordi da che parte hai partorito, tanto sei presa dalla nuova avventura. A me la cicatrice e' quasi sparita dopo un anno, e' sottile come 1 capello.
    un abbraccio
    valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ps, ho partorito in francia...ho anche scritto un post qualche tempo dopo sulla faccenda :D http://valentinavaselli.blogspot.fr/2010/12/viatrix-advenit-la-nascita-di-beatrice.html

      Elimina
  7. Ciao Valentina,
    non ho ancora partorito, ma il cesario e' fissato a giorni (a meno che 1.la piccola contorsionista decida di girarsi entro domani -giorno dell'ultima visita gyn ufficiale; 2. sempre lei decida di nascere prima della data prevista per il cesareo). Devo dire che dopo le parole di Valeria e di Alle mi sono un po' piu' tranquillizzata. In questi ultimi giorni mi sono sentita piu' rilassata e (tranne per tutti gli acciacchi che mi stanno spuntando ora che sono a fine gravidanza) sto godendomi il pancione, compresi i "calcetti" e movimenti dolorosi :)
    Io spero che la mia bimba non venga allontanata neppure un secondo da me (come per fortuna e' successo anche a Valeria), ma, come si dice in questi casi, va bene tutto a patto che la mia piccolina stia bene :)
    Grazie mille per essere passata di qua e aver condiviso la tua esperienza :)

    RispondiElimina
  8. sono sicura che saranno disponibilissimi a farvi stare vicini il piu possibile, se gia' io che ho partorito in un ospedalino francese di un posto minuscolo ho avuto un servizio che in italia manco in clinica privata, figuriamoci te negli stati uniti, che avran tanti difetti gli americani ma in quanto a customer care non li batte assolutamente nessuno !
    questi ultimi giorni sono davvero speciali, spero che il sole splenda su di voi :)

    RispondiElimina
  9. Grazie mille Valentina :)
    Non vedo l'ora di essere a casa con la mia piccola e poter dire ch'e' andato tutto bene (speriamo!!!)

    RispondiElimina
  10. Mel, informati della procedura del tuo ospedale post-cesareo: chiedi di allattarla non appena possibile (e se non e' una c-sec d'emergenza, dovrebbe essere possibile non appena hanno finito i punti etc.), perché' più' aspetti e più' potrebbe essere difficile iniziare. Sono stata leader per La Leche League per diversi anni e ho viso tante mamme in situazioni simili... Valeria ti ha già spiegato tutto,se hai delle richieste particolari fatti/fatevi sentire! Auguri!!

    RispondiElimina
  11. Grazie Moky! Spero che a questo punto la piccolina nasca nella data programmata cosi' che almeno la parte post operatoria sia piu' agevole. Al corso ci hanno detto che, salvo casi in cui (Dio ne liberi!) insorgono complicazioni, i bimbetti vengono attaccati al seno prima possibile (pero' non credo si faccia la cosiddetta ora d'oro...non ne sono certa). Sapere che c'e' una super esperta come te a disposizione mi fa sentire ancora piu' tranquilla: spero di non avere problemi, ma se avessi dubbi o problemucci vari mi sa che ti rompero' le scatole :)

    RispondiElimina
  12. me l'hanno attaccata dopo 4 ore. Mia ha un anno ora, ancora allatto.
    l'importante e' che ti seguano, che ti insegnino come farla attaccare.

    A proposito, per i capezzoli superdolenti, e' normale all'inizio, io usavo una crema che si chiama LANOLIN o una cosa del genere, era una mano santa.

    valescrive

    RispondiElimina
  13. anche a me credo l abbiano attaccata dopo 4 ore... ho messo al mondo una delle rare creature con l abitudine del cluster feeding, quindi dopo aver passato 4 mesi ad allattare in media 16 ore su 24, con lo svezzo ho inziato l allattamento misto e al quinto mese e mezzo ho chiuso la baita: lei ha preso piu di un kg al mese ognuno dei suoi primi 4 mesi, io ormai mi sentivo una mucca a cottimo ed ero sfinita dal non riuscire a fare assolutamente niente che non fosse contemporaneo ad allattare. Nonostante cio, penso di allattare per i primi 4 mesi anche n.2, poi magari se ha dei ritmi meno sconvolgenti duro di piu'...qua in francia mi hanno dato subito dopo che e' arrivata la montata lattea (3 giorno dopo il cesareo) dei copricapezzoli di silicone della meleda, dicendomi di usarli sempre visto che ho i capezzoli non particolarmente sporgenti e delicati, con l unica accortezza di attendere il ruttino perche un pochino di aria entra tra il capezzolo e il cappuccio in silicone. In questo modo nonostante le migliaia di ore di suzione non ho avuto ragadi e problemi di nessun tipo, al quarto mee ho iniziato l'allattamento misto usando i biberon della tommee tippee chiamati closer to nature, lei passava tranquillamente dalla mia tetta ai bibe e viceversa senza problemi.

    RispondiElimina
  14. -Valeria: 4 ore??? io speravo prima! cmq basta che non l'allontanino da me, va bene tutto ormai :)
    Riguardo ai capezzoli, molte altre ragazze mi hanno detto la stessa cosa a proposito del dolore. Vediamo un po' come va, ma cerchero' subito questa crema...non si sa mai! Mi hanno anche consigliato delle breast pads con la lanolina, ma non le ho proprio trovate e ho preso quelle della johnson :/

    -Valentina: una mia amica mi ha regalato uno di questi copricapezzoli (giusto per farmeli conoscere). Spero di non averne bisogno, ma sapere che esistono e' certamente un gran vantaggio! Invece una cosa alla quale pensavo e che mi e' tornata in mente leggendo il tuo commento e' che qui i medici dell'ospedale parlavano dello svezzamento all'eta' di 6 mesi!!! a me pare tardino, ma vedremo piu' in la'


    Oggi abbiamo avuto la conferma: c-section sara', ma ormai, grazie anche ai vostri commenti, ho fatto pace con l'idea e la sto vivendo davvero meglio :)

    RispondiElimina
  15. puoi chiedere anche prima
    Ma considera che SE ti fanno il cesareo hai un postoperatorio di un'ora, credo. Poi le fanno il bagnetto, poi non mi ricordo piu' che altro. Passa in un attimo. Davvero. E comunque poi te la danno ogni due ore, notte e giorno, e penserai VA BE MO BASTA! FAtemi Riposare! :)
    valescrive

    RispondiElimina
  16. quand'e la data? se posso chiedere
    valescrive

    RispondiElimina
  17. il mio cesareo non l'ho vissuto per niente bene ma penso di essere un caso un pò a parte. l'allattamento con la prima non è stato semplice ma poi ho insistito cosí tanto che non è mai passata al bibe. dramma mondiale. allattata fino a 11 mesi. per carità, bambina sanissima, è un anno e mezzo che non ha nulla, nemmeno una linea di febbre. però che fatica! per il cesareo permettiti di sentirti male. è una chirurgia pesante e chi la vive la sottovaluta. aspettiamo news

    RispondiElimina
  18. mmm mi spiace che la tua esperienza con cesareo non sia stata positiva. io spero di raccontarvi presto la mia esperienza col sorriso sulle labbra, magari tra una poppata e l'altra :)

    RispondiElimina
  19. MAggie: dove hai fatto il cesareo?

    Esperienze negative possono esserci con il cesareo e con il parto naturale.
    Il segreto credo che sia nel trovare medici competenti, umani, capaci di garantire la sicurezza di mamma e nascituro e soprattutto medici rispettosi della mamma.
    valescrive

    RispondiElimina
  20. chissà se è già nata...
    comunque io sono nata con il cesario che 29 anni fa era in anestesia totale. mamma mi racconta che lei ancora stordita ricorda mio padre che fuori di se dalla gioia parlava al telefono con sua sorella, a 1000 km di distanza, e ripeteva è femmina, è femmina! (in famiglia sono tutti tutti maschi)
    insomma, per dire che anche col cesareo, anche se mamma non mi ha vista subito, il nostro è un legame bello e forte, lei è una mamma meravigliosa. vi auguro tutto questo, nonostante in cesareo.

    RispondiElimina
  21. Grazie cara, il tuo e' proprio un messaggio carino che mi mette allegria :)
    La mia piccola non e' ancora nata, ma avrete news mooolto presto ;)

    RispondiElimina
  22. come nel caso di mariantonietta, pure io sono nata col cesareo di una volta, poi le infermiere mi hanno dimenticato in incubatrice (altro che baby rooming) insomma, lei mi ha visto 24 ore dopo ed era terrorizzata che fossi morta e non glielo volessero dire...quando finalmente la caposala mi ha portato da lei gli ha detto: eccola, che fretta c'era visto che le rompera' le palle per il resto della vita.
    Decisamente poteva essere sotto migliori auspici il nostro primo incontro, ma questo non ha influenzato in alcun modo il bel legame che ho con lei.
    ormai manchera' davvero poco...forza e coraggio Mel!

    RispondiElimina
  23. Ma dai Valentina! Posso solo immaginare l'ansia provata dalla tua mamma :0 e poi che delicatezza la caposala :D
    Ormai sono nella fase NonMiPareVeroCheStaiPerUscireDaQuestoCorpo

    RispondiElimina
  24. immagino...senti ma anche in iussei ci sono le mitiche mutande di rete nella valigia per l ospedale?

    RispondiElimina
  25. ci sono, ma da tutto l'ospedale.
    di norma l'ospedale fornisce: le famose mutande, pannoloni da fare intimidire la pampers, una busta (misura assorbente) di giaccio per trovare sollievo dopo il parto, una vaschetta di splastica che funge da bidet, una bottiglia con apposito tappicino per spruzzarti li' e rinfrescarti, gli assorbenti per il seno (quelli che usi subito dopo aver allattato per intenderci), le camice da notte, i vestitini, le coperte e quanto utile per la bimba e altro ancora. Praticamente mi hanno detto che per la bimba dovrei portare giusto un cambio piu' carino per le foto che ti fanno prima di lasciare l'ospedale (credo siano tipo foto ricordo dell'allegra famiglia). Io sto portando molte delle cose che mi daranno anche loro perche' preferisco avere le mie cose (es. camice da notte, vestitini bimba, etc.) ma certo qui il servizio ospedaliero e' una favola! (attenzione, nulla e' regalato: un parto costa circa 10-13 mila $...per fortuna noi siamo assicurati e non pagheremo un cent, ma penso a chi non ha l'assicurazione...).
    Cosa carina: in ospedale puoi portare un baby book o altro dove fare stampare le impronte delle manine e dei piedini della bimba appena nata :) (io ho preso per es. un portafoto con apposito spazio per prima foto e prime impronte...ma quant'e' bellino!) :)

    RispondiElimina
  26. io non portai nulla per mia figlia ne' per me. Cose in meno da lavare :)
    valescrive

    RispondiElimina

I messaggi anonimi sono accettati, vi chiedo solo di lasciare almeno il vostro nome alla fine. Grazie :)