sabato 26 maggio 2012

Tempo di Bilanci

E sono 30! 30 anni e non sentirseli. Io mi guardo allo specchio e mi dico che mi sento ancora un'adolescente...almeno nell'animo...e invece sono una trentenne!
Se faccio un bilancio dei miei primi 30 anni mi accorgo di essere una persona molto fortunata: sono sana, ho un marito che mi ama, pochi amici ma buoni, una bella casa, ma soprattutto una bimba che e' la mia gioia piu' grande...specie quando mi fa dormire e non passa minuti interminabili a piangere :)
Dal punto di vista professionale invece sono meno soddisfatta di me stessa: ho una laurea, ma non ho ancora raggiunto il mio target. Non ho mai lavorato negli Stastes: ho ricevuto la mia green card la stessa settimana in cui ho scoperto di essere incinta e un'offerta di lavoro che farebbe gola a molti (moltissimi!) la settimana precedente al parto (!!!). Spesso mi sento avvilita per tutto cio', ma poi mi sento in colpa e mi dico che e' da ingrati lamentarsi quando si ha una vita fondamentalmente serena come la mia.
Durante il periodo universitario, quando mi trovavo in Sicilia e mio marito (allora ancora fidanzato) viveva gia' a San Diego vidi il video dell'ultima lezione di Randy Pausch. Per me era un periodo molto intenso...duro a dire il vero, e vedendo il video, una frase mi colpi' piu' di tutte:"Don't complain, just work harder". Quel giorno strappai un foglio da un quaderno, presi un evidenziatore e scrissi questa frase. Appesi quel foglio al muro ed ogni volta che sentivo di non potercela fare, di essere avvilita, anzicche' iniziare a lamentarmi o a piangermi addosso, guardavo quella frase scritta con quel colore tanto forte e continuavo a studiare. Quella frase e' diventato il mio motto e mi ha aiutato a superare momenti e situazioni difficili. Oggi sono felice della mia vita e ringrazio Dio per tutto quello che mi regala ogni giorno e di cui il piu' delle volte sono certa di non essere degna. La "carriera" aspettera' ancora un po' (mio malgrado) e intanto mi godo la gioia della maternita' che, detto fra noi, oggi e' un lusso che, specialmente in terra natia, poche possono permettersi purtroppo (visto che se non si lavora in due si fa fatica anche a mangiare ormai, altro che Stay At Home Mom!)

17 commenti:

  1. Per la questione età ti capisco, io vado per i 27 ma mica mi sembra di essere così "grande" (in fondo ne mancano solo 3 ai 30).
    Per il resto per me vale il contrario: sto inseguendo una carriera che non so nemmeno se mi porterà frutti, non ho nessuno su cui contare economicamente (Mike guadagna pure meno di me) per cui la casa e la maternità me la posso solo sognare, e mi sembra di star sprecando gli anni migliori. Non siamo mai pienamente contenti.
    Però ti auguro un buon compleanno...che i 30 siano ancora migliori dei 20!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmm capisco. Grazie a Dio il lavoro di mio marito paga i conti ma lui e' un po' piu' grande di me e di anni sui libri ne ha passati molti piu' di me (per poi dover comunque emigrare per avere un lavoro). Per una persona ambiziosa e orgogliosa come me mettere da parte gli studi e fare la casalinga e la mamma a tempo pieno (leggi: non portare un$ a casa) e' come vivere di luce riflessa e non mi piace granche' ma al momento ho altre priorita'...una in particolare ha due occhioni dolci che mi fanno sciogliere ogni volta che la guardo :)
      Sei (siamo) giovane e la cosa buona di vivere negli USA e' che non e' mai troppo tardi (conosco persone con figli che cominciano dottorati di ricerca a 40 anni!) quindi coraggio! Sono certa che i tuoi sacrifici saranno ripagati prima che tu te ne renda conto ;)

      Elimina
  2. Auguri! Anche io 30 tra pochissimo! :)
    E anche io per niente soddisfatta del lavoro. I primi sei mesi non ho potuto lavorare (finche' non e' arrivata la Green Card) e poi ho fatto piccole cose, traduzioni, insegnato un paio di classi di italiano...fino al lavoro "serio" ma che cmabierei all'istatne. :/
    Mi piace la tua frase, ripetiamocela spesso! :)

    RispondiElimina
  3. brava per questo post!

    e tantissimi auguri!!!

    RispondiElimina
  4. anche io vivo la situazione in modo simile: da quando e' nata la viatrix per quanto certi giorni sia stanchissima a starle dietro, in quelle occasioni mi ripeto che ho una gra fortuna a poter scegliere di non lavorare e occuparmi di lei mentre altre persone specie in italia hanno per forza bisogno di due redditi per farcela, siccome qua non potrei comunque fare il lavoro per il quale ho studiato, praticato etc (ho passato l'esame d'avvocato e preso anche un dottorato in diritto comparato, ma il sistema elvetico e' completamente diverso da quello dell'unione europea per il quale i miei titoli sono validi) a questo punto vedo i vantaggi, faccio anche il baby n2. e poi alla prossima destinazione si vedra', anche s enel frattempo la mia mentaita' e' cambiata e non credo piu di dover per forza fare una professione legata ai miei studi, quando anche n.2 avra' passato i due anni decidero' che fare ma credo che al 905 sara' qualcosa di tutt'altro genere dell'avvocatura...

    RispondiElimina
  5. Auguri! Arriverà anche il lavoro, se lo vorrai, ne sono certa.
    Anche noi rincorriamo un qualcosa che non si sa dove e come ci porterà, ma abbiamo capito che l'importante è essere insieme, e il lavoro viene davvero dopo.
    Goditi la tua piccina intanto!
    Un bacino ad entrambe.

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutte per gli auguri :)

    -b&k: anche a me e' capitato di fare traduzioni e cose del genere, ma per il lavoro che vogliamo pare tocchi aspettare ad entrambe :/

    -Marica: Grazie cara :)

    -Valentina: ecco, siamo sulla stessa lunghezza d'onda ;)

    -elle: spero bene anche per voi allora :)

    RispondiElimina
  7. Prima di tutto: AUGURI!!!!!!!!!!!!
    poi: ho letto il libro del video che citi. Meraviglioso. E proprio lì ci sono altre due lezioni. 1. sogna in grande 2. chiedi e ti sarà dato.
    per me sono due lezioni importantissime. la tua voglia di essere realizzata anche nel campo professionale è sacrosanta. io ho la fortuna che mio marito capisce il mio bisogno di "fare altro" e mi ha sempre spinto oltre, anche quando sembrava non avessi forza o voglia. Mi dice sempre: "prova, buttati, chiedi, punta in alto, non darti risposte prima di fare le domande".
    Una lezione che do sempre a me stessa è: "maggie, se non ti piace qualcosa cambialo. PUOI!!" nella vita puoi cambiare tutto tranne il marito e i figli. Capisci cosa vuol dire?? che abbiamo un potere immenso e non ce ne rendiamo conto. senz'altro essere mamma in questo momento è importantissimo. la tua bambina è nata da poco. ma non accantonare i tuoi sogni. e non sentirti in obbligo di essere riconoscente per questo tuo "stare a casa" (cioè sii riconoscente per questo ma non pensare che questo di dovrebbe bastare).
    io mi sento una madre e una moglie migliore quando lavoro. quando mi realizzo fuori di casa ed ho un posto solo per me dove svuoto la testa da pannolini, allattamento, "mamy", pappe, negoziazioni all'ultimo sangue e chiacchiere a vanvera con linguaggi bambineschi. Cioè torno a casa e ho solo voglia di stare con le mie figlie. Ho la fortuna che anche le mie figlie sono cosí (sono migliori quando non stiamo tutto il giorno appiccicate), un marito che mi capisce e...una grande e impellente necessità economica.
    Fossi in te, in questo preciso istante, invece di pensare alla carriera penserei a quello che avresti voluto fare e non hai mai fatto. che so, un corso di cucito o di ballo, leggere romanzi o qualunque cosa ti piaccia. e...ti chiedo una cosa che ti sembrerà quasi impossibile da fare ma se ce la fai sei una grande. chiama una baby sitter o (ancora meglio) affida la bimba a tuo marito una volta a settimana per due ore (tra una poppata e un'altra) ed ESCI DA SOLA. io non l'ho fatto per la prima figlia perché non ce l'ho fatta. l'ho fatto adesso con la seconda e sono un'altra persona. e mi ripeto che sono stata proprio cretina la prima volta!
    In bocca al lupo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maggie io concordo al 100% con quanto da te scritto!
      Sono felicissima di potermi permettere di stare a casa e vedere crescere la mia bimba, ma e' una cosa ad interim, non ho accantonato per sempre i miei sogni. Mio marito e', come il tuo, un marito che mi sprona a fare sempre di piu', ad inseguire i miei sogni, sa quanto mi pesi aver dovuto mettere in standby i miei studi e che non sara' per sempre. Ho un progetto che spero potro' portare presto avanti, ma non voglio perdermi la gioia di essere mamma a 360 gradi, soprattutto nel primo anno di vita di Milena.
      Intanto sto facendo, e ho fatto soprattutto durante la gravidanza, quello che tu suggerivi (anche se meno di quanto potrei): sto leggendo i libri che avrei voluto leggere e non avevo mai tempo di farlo presa dai libri che invece mi toccava leggere per gli esami e sto dedicandomi a vari altri interessi, alcuni dei quali non sospettavo neppure di avere :)
      Quanto alle uscite: Valeria (http://valeriascrive.blog.kataweb.it/) mi ha illuminato con un suo commento qualche tempo fa (giorni o settimane, non saprei :) ) e ho seguito il suo consiglio: ho preso ad uscire dopo la poppata, anche solo per fare la spesa, cosi' per svagarmi un po'. Sto ancora sempre un po' in ansia e telefono al papa' ogni volta che posso per controllare che la bimba sia ok, ma comunque queste uscite sono state davvero un toccasana per me :)

      Io voglio davvero RINGRAZIARE voi altre mamme per i consigli che mi date, perche' sto facendo delle cose (vedi le uscite) che forse non avrei fatto se non consigliate da altre mamme che vivono o hanno vissuto quello che ora io sto vivendo. Grazie mille a tutte voi :)

      Elimina
  8. tanti auguri!!! tra poco tocca a me :-/
    me lo ripeto spesso anch'io che sono un'ingrata se penso a ciò che mi manca guardando oltre a tutto quello che invece ho, ma già ammetterlo è una gran cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Mariantoniette :) allora presto faro' a te gli auguri :)
      e' vero, gia' rendersene conto e' importante. Spesso abbiamo cosi' tanto che non ce ne rendiamo conto

      Elimina
  9. Auguri Mel! In ritardissimo, ma e' un bel traguardo :)
    La frase che citi e' bellissima, dovrei girarla alla mia amica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille, sono comunque ben accetti :)
      io me la ripeto spesso e mi aiuta ogni volta ;)

      Elimina
  10. Augurissimi dolcissima Mel, di cuore!!!!
    goditi la piccola e il lavoro arriverà, non pensarci, vivi giorno per giorno!! baci...
    Ps: ho qualche problema a spedirti quello che voglio, al limite te lo spedisco dall'Italia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Alle :)
      Non preoccuparti, non devi disturbarti, come si suol dire e' il pensiero che conta ;)

      Elimina

I messaggi anonimi sono accettati, vi chiedo solo di lasciare almeno il vostro nome alla fine. Grazie :)