mercoledì 13 giugno 2012

Sogni spezzati...

...da mia figlia che vuole il latte, chiede di essere cambiata, o altro.
That's life :)

9 commenti:

  1. that's life! (ma a volte vorresti scappare su un'isola deserta) :)

    RispondiElimina
  2. tieni duro...ancora un mese e mezzo e di colpo inizierai a vedere la luce in fondo al tunnel

    RispondiElimina
  3. presto riuscirai di nuovo a finirteli i sogni :)

    il mio pediatra, sant'uomo, mi disse qual e' il peso minimo per interrompere le poppate notturne (credo otto chili ma non sono sicura). Poi ci sono mamme che allattanno fino a quando i figli fanno la prima comunione, ma sono scelte che dipendono dal masochismo di ciascuna di noi. Il mio livello di masochismo e' basso.


    valescrive

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo spero vale!

      in realta' io non sveglio piu' Milena per allattarla (la pediatra mi ha detto che potevo smettere dal momento che ha ripreso il peso della nascita..vabbe' lo aveva gia' ripreso dopo una settimana!), ma questa settimana e' lei che ha deciso che e' il caso di svegliare la mamma ogni 3 ore circa per la poppata. Stanotte e' stata tranquilla: nessuna storia per dormire ma ha voluto poppare verso l'una e trenta e poi di nuovo alle 5. per il weekend ho deciso: mi pompero' il latte e faro' allattare il maritozzo, cosi' almeno riusciro' a fare 6-7 ore di fila di sonno (si', lo dico, ma so gia' che anche se allattasse davvero lui io mi sveglierei comunque...o forse no...buh, vi diro' :) )

      Elimina
  4. credo sia presto per non allattarla piu' la notte, no?
    le due poppate ci stanno ancora tutte. E' piccola per poter pretendere che non si svegli per mangiare.
    poi passera' a una poppata e poi smettera'.
    E' strano che la pediatra abbia detto di smettere solo perche' aveva ripreso il peso della nascita. COme dici tu, dopo una settimana gia' lo riprendono. E anche il latte e' di notte che viene, se non allatti come lo stimoli?


    Io sono a favore della poppata notturna del papa'. Ti sveglierai comunque, soprattutto le prime volte, ma e' psicologicamente e fisicamente un toccasana.

    Il mio pediatra, sant'uomo ancora una volta :), mi disse che il sonno is always an issue :) E che dovevamo decidere come affrontarlo. Nel senso, arrivata ai chili necessari e sufficienti per non allattare piu' la notte, cosa vuoi fare? Andare da tua figlia ogni volta che piange di notte, e piangera' perche' e' fisiologico, o vuoi insegnarle a gestire i suoi risvegli senza la tua presenza? Io ho optato per la seconda. Noi dormiamo tutta la notte da quando lei ha 5 mesi. Fino a 3 mesi ha mangiato la notte, a tre mesi mangiava solo una volta e quindi il risveglio era solo uno. Poi e' impazzita e ci smaronava con risvegli continui e io, disperata, la tenevo nel letto con me attaccata alla tetta perche' era l'unico modo per farla riposare. Ma io ero uno straccio e anche per l'organismo produrre latte non e' mica una passeggiata. Quindi il sant'uomo mi disse come intendevo risolvere la questione e mi parlo' di sleep training. All'inizio non volevo farlo, poi, dopo un mese di quella vita terribile, cominciavo a somigliare a uno zombie e abbiamo ceduto. E per fortuna! In tre notti lei ha imparato ad addormentarsi da sola e a dormire tutta la notte. Se pure si sveglia, io non lo so. Ti dico che per me e' stata una vera liberazione. L'idea di dover essere sempre presente per ogni suo addormentamento, l'idea di farla dipendere cosi' tanto da me e l'idea di dover ripetere lo stesso rito 345 volte in 24 ore mi faceva impazzire.

    Scusa il commento lungo
    valescrive

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no, mi sono espressa male! la pediatra non mi ha detto di non allattarla, ma solo di non svegliarla per allattare, cioe' si sveglia lei quando ha fame, senza dover essere svegliata da me ogni 2-3 ora da me. Milena si sveglia circa ogni 3 ore 3 ore e 1/2 per adesso. E' capitato anche che dormisse per tipo 4 ore, ma non e' la norma per lei.
      Quando la settimana scorsa le abbiamo dato per la prima volta il biberon mi sono sentita male a guardala: mi pareva quasi di allontanarla da me, ma so che e' per il suo bene.
      Io amo allattarla e amo sentirla cosi' legata a me, ma non voglio assolutamente che lei diventi una mammona, vorrei piuttosto infonderle un senso di indipendenza e serenita' anche quando io o il papa' non siamo con lei. E' dura per me, ma mi sforzo. Anche col ciuccio e' la stessa cosa: io non gliel'avrei dato manco a morire ammazzata, ma pare che sia un bene per lei...mah, sara'!

      lo sleep training? Mi sa che presto ti chiedero' delucidazioni dettagliate in merito :)

      Elimina
  5. ah ok! mi pareva strano :) no infatti fai bene a non svegliarla, aspetta che ti chiami lei. COn la speranza che ti chiami sempre di meno :) cosi'tutti e tre finirete i vostri sogni :)

    io ho smesso di allattare due giorni fa, lo facevo ancora la mattina, e mi sono sentita triste. Proprio come dici tu. Ma ho visto che a lei non interessava piu' e ho capito che era un altro piccolo passo verso la sua indipendenza e non dovevo essere triste. Non posso essere un ostacolo alla sua crescita. E se lo dovessi mai diventare vi prego, portatemi da uno psichiatra :)

    valescrive

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che tenerezza! solo adesso che anche io sono mamma capisco quanto e' bello ma duro allo stesso tempo crescere i figli! Ce la faremo...nonostante tutto ;)

      Elimina

I messaggi anonimi sono accettati, vi chiedo solo di lasciare almeno il vostro nome alla fine. Grazie :)