giovedì 14 febbraio 2013

Come si cambia

Mi chiedo cosa porti via con se il tempo che passa, piano piano, giorno dopo giorno. Scolorisce i ricordi, affievolisce la memoria? Me lo chiedo perche', da un po', quanto riguardo certe foto scattate prima che fossi expat, prima che fossi mamma, vedo degli occhi che sono cosi' diversi da quelli di oggi. I miei occhi, mi paiono occhi di chi ancora, ingenua forse, non sapeva. Mi paiono occhi di chi ancora non poteva capire certe cose. La vita mi ha cambiato cosi' tanto e cosi' velocemente? E' possibile?
Non so se sono solo io a vedermi e a sentirmi cosi' diversa dalla persona che vedo in quelle foto o se anche gli altri se ne accorgano. Mia figlia ha cambiato la mia vita, le ha dato un senso nuovo, ha reimpostato i valori, ne ha stabilito le misure. Mia figlia, il mio amore piu' grande, e' il centro delle mie giornate (anche delle mie nottate ahime'!) e chi non lo capisce (ancora) non ha capito molto di me.
Puo' la vita cambiarti cosi' velocemente? La mia personale risposta è che si', la vita puo' questo e altro.
Ieri pomeriggio, mia figlia e' caduta, ha battuto la testa, per un attimo il mio cuore si e' fermato, pietrificato e come ogni mamma, in quel secondo, ho sperato che fosse una delle migliaia di cadute che capitano senza lasciare segni. Ho visto che stava bene, ma ho chiamato i pediatri perche' avevo bisogno di sentirmi dire quello che gia' sapevo. Ho avuto una paura matta e ho capito, una volta in piu', che lei, il suo bene, la sua vita e' cio' che piu' conta per me. 

14 commenti:

  1. Risposte
    1. la piccola sta bene. grazie al cielo, si e' trattato solo di un grande (ma grande!) spavento (io quasi quasi ci rimanevo!)

      Elimina
  2. Personalmente posso dire di aver visto cambiare molte amiche sin da quando hanno scoperto di essere incinta. Penso che la vita che genera vita implichi un grosso cambiamento, e mi sembra che sia un po' il senso dell'evoluzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non immaginavo che sarei cambiata cosi' tanto, ma e' successo e chissa' quanto ancora cambiero'.

      Elimina
  3. Si cambia tantissimo con la maternità. Mi è piaciuta moltissimo la tua frase "I miei occhi (di prima), mi paiono occhi di chi ancora, ingenua forse, non sapeva." Non poteva sapere, solo vivendo questa esperienza si può capire. Io ho i figli grandi ma sempre, quando è capitato che loro soffrissero, mi pareva che mani crudeli entrassero nel mio petto e mi strappassero il corpo a metà. Allevare figli è una fatica grande, un impegno continuo (io scherzo dicendo che diventare genitori è una condanna all'ergastolo, per tutta la vita), è anche dolore e sofferenza, ma è vita e gioia, tenerezza e pienezza. E quando diventano grandi, si costruiscono la loro vita autonoma indipendente da te, anche lontano da te, ma vedi che ti vogliono ancora tanto bene, c'è sempre tanta intesa e fiducia, beh, io mi commuovo per la gioia.
    Mila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il tuo commento Mila, hai commosso anche me! Sono certa che sia come dici e poi penso di capire (e condivido!) perfettamente cosa intendi quando dici che avere figli e come l'ergastolo :)

      Elimina
  4. Oh si. Anche io quel giorno sono quasi morta.
    O forse e' morta la me pre-picci.
    Condivido tutte le tue idee, e' proprio cosi.

    RispondiElimina
  5. eh, bea e' caduta la prima volta a quattro mesi. mi si e' fermato il cuore,lei invece manco ha pianto. Ed e' caduta anche altre...certe personcine hanno l'anima del cirque du soleil dentro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahaha e' vero, ma a noi ci fanno prendere certi spaventi!

      Elimina

I messaggi anonimi sono accettati, vi chiedo solo di lasciare almeno il vostro nome alla fine. Grazie :)